IN RICORDO DEL DOTTOR RYKE GEERD HAMER

 

 

 

Il 2 luglio 2017 moriva, esule in Norvegia, il dottor Ryke Geerd Hamer, medico tedesco al cui figlio diciannovenne Dirk, Vittorio Emanuele di Savoia sparò una fucilata all’isola di Cavallo nel 1978. Il giovane morì dopo quattro mesi di agonia. In seguito al trauma, il padre sviluppò un tumore a un testicolo, cosa che lo indusse a collegare i due avvenimenti. Da lì cominciò la sua ricerca medica, che lo portò progressivamente a scoprire delle leggi esistenti in natura. Hamer non ha quindi inventato nulla, ma ha capito l’origine delle malattie, come possiamo conoscere lo stadio a cui si trovano e a prevederne l’evoluzione. Questo grazie alla comprensione delle Cinque Leggi Biologiche, alle quali Hamer era arrivato con lo studio della embriologia e della filogenesi; in altre parole di come si formano i tre foglietti embrionali (endoderma, mesoderma, e ectoderma) e dei loro collegamenti con le rispettive zone del cervello.

La filogenesi è lo studio dell’evoluzione della vita sulla terra, a partire dai più elementari organismi unicellulari. Nell’arco di miliardi di anni, la Natura ha progressivamente messo in atto meccanismi evolutivi e di difesa della vita, completamente trascurati dalla nostra Medicina. Questa ignoranza impedisce la comprensione dell’origine delle patologie, tant’è che spesso molte malattie vengono definite di eziologia sconosciuta, mentre la conoscenza delle Cinque Leggi Biologiche ci permetterebbe di capirle perfettamente e di procedere al meglio.

Hamer ci spiega che ad uno shock improvviso e traumatico segue una fase di Conflitto Attivo, definito simpaticotonico, per lo più asintomatico, a cui seguirà, quando ci saranno i presupposti, una fase di risoluzione del conflitto cioè di guarigione, chiamata vagotonica. Questa seconda fase del Programma Bifasico della malattia, sarà caratterizzata da manifestazioni anche dolorose e da una sintomatologia che la nostra medicina scambia per malattia, mentre in realtà è l’organismo che sta guarendo. Ne consegue che la medicina tradizionale mette in atto una terapia, a volte anche drastica, che stronca il processo di guarigione, con gravi conseguenze. In relazione al cancro si parla di cellule impazzite (per quale motivo non si sa!) non accorgendosi che in realtà la Natura ha messo in atto un processo riparativo. Addirittura, nelle diagnosi dei tumori si usano termini non scientifici, ma religiosi: benigno o maligno! Qualcosa di simile avviene quando si parla di malattie autoimmuni, ritenendo erroneamente che il sistema immunitario induca l’organismo ad attaccare i propri tessuti. C’è quindi una totale incapacità di capire che la Natura ha creato per noi, in miliardi di anni, un programma di riparazione e protezione della vita di cui non teniamo conto. Questo vale per il mondo vegetale, animale e per l’essere umano. Non è mai stato provato che esistano cellule impazzite senza motivo o che l’organismo si rivolti contro se stesso, così come che le cellule cancerogene migrino da un organo ad un altro, generando le metastasi. Queste non sono altro che nuovi conflitti attivi, che vanno a colpire nuovi organi. Un caso frequente è quello di un tumore al polmone che insorge dopo che a un paziente è stato diagnosticato per esempio un tumore alla prostata a uno stadio avanzato. La paura di morire genera un nuovo shock che avrà come conseguenza un tumore ai polmoni che però la medicina scambia per metastasi.

Hamer ha avuto conferma delle sue teorie da migliaia di test effettuati sui pazienti ed era in grado di quale malattia si trattasse e a che stadio fosse, solo osservando le TAC cerebrali nelle quali si trova sempre traccia di ogni malattia e della sua evoluzione. Hamer aveva capito che la chiave di tutto è nel rapporto psiche-cervello-organo e che all’origine di tutte le cosiddette malattie c’è un evento inaspettato e traumatico (prima Legge Biologica). Tutto questo non poteva essere tollerato dalla “scienza” ufficiale, che intimò ad Hamer di abiurare, ma egli non si piegò mai a questo ricatto. Per questo fu espulso dall’Ordine dei Medici perseguitato in vari paesi europei e più volte arrestato. Anche la sua famiglia fu minacciata. Tutto ciò per aver dimostrato la validità delle sue teorie e il fallimento della medicina ufficiale. Questo dal potere non poteva essere tollerato. Ancora oggi Hamer è oltraggiato e calunniato; se cerchiamo su Internet ne abbiamo molte prove. in realtà, Hamer è stato un grandissimo scienziato, un gigante della Medicina come pochi ce ne sono stati. Se i medici seguissero gli insegnamenti delle Cinque Leggi Biologiche, si salverebbero milioni di vite. Certo, è difficile anche per un paziente qualcosa che è l’opposto di quanto finora gli hanno fatto credere, ma l’importante è avere una mente aperta, scevra da pregiudizi, informarsi, leggere i libri di Hamer e dei suoi allievi. In tal modo, la verità emergerà e sarà fatta giustizia di tutte le menzogne e le calunnie.

 

Fabrizio Bencini

2 luglio 2024

L’ALIMENTAZIONE IN ESTATE

L’alimentazione in estate secondo la Medicina Tradizionale Cinese
In estate lo Yang, iniziato in primavera, raggiunge il suo massimo. Il Qi va verso la superficie del corpo e l’alimentazione deve favorire questa direzione dell’ energia verso l’esterno, evitando però una perdita dei liquidi. In questa stagione, è opportuno mangiare cibi dolci e acidi; questo perché se il dolce è umidificante e diaforetico, l’acido trattiene. In altre parole, i due sapori insieme favoriscono il movimento del Qi verso la superficie, generando i liquidi. Il cibo d’elezione è la frutta, perché, nella maggior parte dei casi, ha sapore dolce e acido. Anche le foglie e i fiori, in particolare quelli di zucca, favoriscono questo movimento dell’ energia. Utili sono i cibi piccanti perché hanno proprietà diaforetiche e promuovono la sudorazione che porta il Qi verso l’esterno. Non caso, le popolazioni dei Paesi caldi assumono un’alimentazione speziata e piccante. Per quanto riguarda il sapore, è opportuno scegliere cibi di sapore fresco o freddo per contrastare il caldo estivo. I cibi di sapore acido armonizzano il Cuore, organo che raggiunge il suo massimo d’energia in estate e teme il “rilassamento”, cioè una perdita di tono del dinamismo dello Yang per la quale il Cuore ne soffrirebbe. Inoltre, il sapore acido nutre lo xing, la forma del Fegato, l’organo che è stato più attivo nella stagione precedente. Altri esempi di alimenti consigliati in estate sono l’anguria, le fragole, i pomodori, i fagioli, i cetrioli, l’anatra e il pesce.

COLESTEROLO TRA VECCHIE CREDENZE E VERITA’ SCIENTIFICA

Il Colesterolo tra vecchie credenze e verità scientifica
Sappiamo che nessuna conoscenza in campo scientifico può essere data per definitivamente acquisita, ma purtroppo capita spesso di constatare che per chi gestisce il potere non è cosi, e chi osa contestare il pensiero dominante va incontro a seri guai. Questo ci insegna la storia, salvo poi avere la conferma nel tempo che erano gli innovatori ad avere ragione. Molte convinzioni mediche del passato erano ritenute scientifiche allora, ma oggi non più. Questo è il progresso, per fortuna. Eppure, in tante branche della medicina contemporanea, prevalgono certezze che vengono smentite man mano che la ricerca va avanti. Purtroppo, non si tratta solo di disquisizioni teoriche, ma di diagnosi e terapie che possono avere gravi ripercussioni sui pazienti. Nonostante ciò, è quanto mai raro che la medicina ufficiale riveda i propri convincimenti, perché questo costringerebbe ad ammettere che molto di quello che si riteneva giusto e scientifico non lo è più o non lo è mai stato.
Potrei portare esempi in vari settori della medicina, ma parlerò di un solo argomento: il colesterolo. La posizione ufficiale è che il valore desiderabile del colesterolo totale sia fino a 200 mg/dl, del colesterolo LDL fino a 100 mg/dl e del colesterolo HDL non inferiore a 50 mg/dl. Preciso subito che quanto sto per scrivere non è ovviamente una mia opinione personale, ma il frutto della ricerca di importanti istituti internazionali e di università di prestigio, che hanno condotto studi su un alto numero di pazienti. Ho volutamente evitato di entrare nei dettagli della chimica e della biologia, di competenza degli specialisti, per concentrarmi sull’essenziale, usando un linguaggio comprensibile ai non addetti ai lavori, e soprattutto a chi ritiene di avere problemi di colesterolo. Questa sostanza grassa è assolutamente necessaria al corretto funzionamento dell’ organismo, svolge funzioni strutturali e conferisce solidità e protezione alle cellule; il colesterolo promuove anche la riparazione della guaina mielinica degli assoni del nostro cervello. Le lipoproteine LDL (quelle a bassa densità, note comunemente come “colesterolo cattivo”) hanno il compito fondamentale di trasportare il colesterolo dal fegato alle cellule di tutto il corpo tramite il flusso sanguigno; è grazie alle LDL che il colesterolo può giungere ai neuroni del cervello. È opinione comune che sia fondamentale ridurre i grassi saturi per abbassare valori ritenuti elevati, anche se solo il 20-25% del colesterolo dipende dall’ alimentazione, soprattutto di origine animale. Secondo uno studio del 2008, la probabilità di sviluppare il Parkinson aumenta del 350% (!) col colesterolo LDL più basso. Due anni dopo, un altro studio ha evidenziato che i consumi di grassi saturi hanno ridotto del 19% la minaccia di cardiopatie. A rappresentare un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari, non sono tanto le proteine LDL, quanto la lipoproteina Lp (a) perché costituisce il principale trasportatore di grassi nelle placche arteriose. Il colesterolo elevato svolge un ruolo protettivo nei pazienti affetti da sclerosi laterale amiotrofica (SLA) e prolunga la vita di questi malati più dei farmaci. Contrariamente a quanto si pensa, durante la vecchiaia il colesterolo esplica proprietà antiossidanti e protegge dalle infiammazioni e dalle infezioni; attraverso gli ormoni, aiuta a preservare la massa muscolare, mentre i farmaci per ridurre il colesterolo compromettono le funzioni del sistema immunitario. La riduzione farmacologica del colesterolo ha profonde implicazioni negative sulla salute; i farmaci e il riso rosso fermentato inibiscono l’enzima chiave (HMG-CoA reduttasi) che regola la sintesi del colesterolo endogeno. Secondo uno studio canadese, la vulnerabilità al danno renale aumenta del 34% per coloro che utilizzano una quantità relativamente elevata di statine; da un’analisi di oltre 11milioni di cartelle cliniche, emerge che chi assume statine ha un rischio quadruplicato di perdita di memoria. Le statine stimolano la formazione di depositi di calcio e diminuiscono le proteine dipendenti dalla vitamina K, riducendo in tal modo le naturali funzioni coinvolte nella protezione vascolare. Presso l’ospedale di Boston è stata fatta una ricerca con le TAC su 7.000 persone, suddivise in gruppi sulla base del livello di rischio cardiovascolare, e i livelli di colesterolo erano tra i parametri considerati. I risultati delle TAC hanno dimostrato che il più importante fattore di rischio per ictus e infarto è rappresentato dai depositi di calcio nelle arterie coronarie, una condizione non trattabile coi farmaci. Lo studio ha evidenziato che molte persone con elevati depositi di calcio, inizialmente considerate a basso rischio, avevano in realtà un’ elevata probabilità di un evento cardiovascolare entro sette anni; per contro, il 35% dei soggetti ritenuti ad alto rischio per i loro livelli di colesterolo, contro il quale avrebbero dovuto assumere le statine, non presentavano calcificazioni delle pareti arteriose e il tasso di rischio per i successivi sette anni era estremamente basso. Ciò a dimostrazione che il colesterolo non può essere un parametro affidabile per stabilire il rischio cardiovascolare. Diversi studi indicano che le persone in trattamento con statine possono manifestare un aumento dell’ aggressività, soprattutto nelle donne, con modifica della personalità, depressione e tendenza al suicidio. Livelli di colesterolo elevati fino a 300-350 mg/dl, come sostiene il cardiochirurgo prof. W. Hastenbach, non dovrebbero destare alcuna preoccupazione; semmai, da tenere d’occhio sarebbe piuttosto il fibrinogeno. Dopo qualsiasi intervento chirurgico, fosse solo un’ estrazione dentale, il colesterolo aumenta, ma l’uso di farmaci per abbassarlo dopo un’ operazione può accrescere il rischio di infezioni. Il colesterolo nel sangue aumenta quando abbiamo un’infezione, o siamo sotto stress, mentre si normalizza quando stiamo bene. Questo perché il colesterolo promuove la riparazione e la guarigione, in quanto rappresenta un grande sostegno per le difese immunitarie, rafforzate sia dalle lipoproteine LDL che HDL. Un ruolo molto utile, a livello alimentare, può essere svolto da un aumento del consumo di burro, proibito oggi dai medici ai pazienti con un livello di colesterolo ritenuto elevato. È stato invece dimostrato che il burro in particolare, e i grassi animali in generale, sono alimenti che dovrebbero essere introdotti anche nella dieta comune per i loro effetti positivi sulla salute. Ma questo è un argomento a parte.
Fabrizio Bencini
28 giugno 2024
N.B. QUANTO SOPRA ESPOSTO NON PUÒ ASSOLUTAMENTE ESSERE CONSIDERATO UN CONSIGLIO MEDICO, L’UNICO AL QUALE IL LETTORE DEVE PRESTARE ASCOLTO.
Per non appesantire il testo dell’ articolo, non sono state citate le fonti dei vari studi, le quali sono comunque disponibili per chi fosse interessato, su PubMed. Oltre 900 studi scientifici sono riportati nel volume ”Infiammazioni Nascoste” di Monica Martinuz; altri libri che mi sento di consigliare sono: “La salute del cuore: una storia da riscrivere” di Natasha Campbell-McBride; “Nourishing Fats (Why We Need Animal Fats for Health and Happiness)” di Sally Fallon Morell e, last but not least, “Colesterolo? si grazie” del prof. Uffe Ravnskov, massima autorità in materia.

IL CIELO POSTERIORE

L’essenza del Cielo Posteriore è l’essenza dell’ unione sessuale; il soffio del Cielo Posteriore è il respiro della inspirazione e della espirazione; lo spirito del Cielo Posteriore è lo spirito pensante. Queste tre cose hanno forma e immagini che sorgono dopo la nascita. Quando l’uomo e la donna si accoppiano, l’essenza maschile e il sangue femminile si uniscono per formare l’embrione. Dentro l’embrione c’è solo il Respiro Originario (yuanqi), e nessun respiro di inspirazione e espirazione. Immediatamente dopo la nascita, il neonato emette il suo primo vagito e riceve il Soffio del Cielo e della Terra che entra nel Campo di Cinabro inferiore e si unisce al Respiro Originario. Da quel momento, entra ed esce attraverso la bocca e il naso, e all’ esterno si mescola col Respiro di Cielo e Terra, diventando il respiro comune. Questa è la radice del respiro di inspirazione ed espirazione. Lo spirito del Cielo Posteriore è anch’esso nato in quel momento. Questo spirito è lo spirito cognitivo che trasmigra per innumerevoli cicli cosmici; è lo spirito che si muove in una persona o in un animale, diventa buono o cattivo, arriva alla nascita ed esce al momento della morte. Quando un bambino nasce, piange per la prima volta; in quel momento, lo Spirito Originale entra nell’apertura (la fontanella). Perciò, se il neonato non emette il suo primo vagito dopo la nascita, non è vivo; la ragione è che questo spirito non è entrato nell’ apertura. Al momento della nascita, lo spirito e il respiro prendono il controllo e diventano la radice del Cielo Posteriore, permettendo al corpo di crescere. All’ età di sedici anni, il Respiro Originale è abbondante. Quando una cosa è piena, trabocca, e quando è al culmine, necessariamente regredisce. Perciò, quando lo Yang è al massimo, nasce lo Yin e, con la nascita dello Yin, lo Yang è al minimo. Il respiro Yin (Qi) prende il controllo e il respiro Yang si ritira; allora lo Yin privo di forma genera lo Yin dotato di forma. L’apertura tra i Reni prende forma, l’Acqua Autentica decresce e il Fuoco del desiderio nasce segretamente. Basta poco per scatenare una fiammata e bruciare l’intero corpo. Il Fuoco risveglia le cento ossa e i canali del sangue, i cinque visceri (wuzang, gli organi) e i sei ricettacoli (liufu, i visceri). I fluidi corporei e i liquidi iniziano a ribollire e a traboccare, riunendosi nella cavità delle Cento Convergenze (il Bahui), che si trova nella la fontanella ed è il punto di riunione dei cento canali. Da lì, il respiro e il sangue discendono al punto jiaji in corrispondenza del Cuore. Successivamente, passano il punto shenshu (BL 23) e prendono un colore bianco; quando poi passano l’ “imbuto caudale” (weilu, alla base della spina) e raggiungono l’Apertura dello Yin (yinqiao, l’uretra), l’essenza viene emessa. Non solo questa essenza non c’è al momento della nascita, ma non c’è nemmeno dopo la nascita; è solo una trasformazione del soffio e del sangue. L’apertura nei Reni non è altro che il cancello che permette all’ essenza di venire fuori; come potrebbe l’essenza rimanere costantemente nei Reni? Quando lo Yang è al culmine e genera lo Yin, non c’è solo l’essenza; lo spirito pensante viene anch’esso fuori in quel momento ed emerge nello stesso tempo il respiro di inspirazione ed espirazione. Gli studenti dovrebbero comprendere che di queste tre cose si viene in possesso dopo la nascita, non prima. Come potreste usare qualcosa di cui venite in possesso solo dopo la nascita, per proteggere e mantenere intatte la vostra Natura (xing) e la vostra Esistenza (Ming)? Come potreste aumentare gli anni della vostra esistenza e vivere una lunga vita senza invecchiare e trascendere lo Yin e lo Yang? Gli studenti dovrebbero riflettere su questo ancora e ancora.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante testo
Vedi insights e inserzioni
Metti in evidenza il post
Mi piace

Commenta
Invia
Condividi

IL CIELO ANTERIORE

Il Cielo Anteriore
Nel pensiero taoista si distinguono l’Essenza, il Respiro e lo Spirito prenatali (Xiantian Jing Qi Shen) e postnatali (Houtian Jing Qi Shen). Quando si parla di Essenza Originale (Yuan Jing), Respiro Originale (Yuan Qi) e Spirito Originale (Yuan Shen), s’intende che essi esistevano prima della nascita del corpo fisico; esistevano prima del concepimento e dopo che il seme ha fecondato l’ovulo, l’Essenza, il Respiro e lo Spirito prendono residenza nella forma fisica. Essi hanno tre nomi, ma in realtà sono una cosa sola. La pura unità dell’ Origine diviene l’Essenza, ciò che scorre nelle vene diviene il Respiro e ciò che si muove attraverso il vuoto celeste diviene Spirito. Essi sono tre, ma è uno; esso è uno, ma sono tre. Non può essere chiamato “tre” ed essi non possono essere chiamati “uno”. Tornare all’ Origine significa tornare all’ Essenza Originale, al Respiro Originale e allo Spirito Originale. Queste tre cose sono celate e immagazzinate nell’ Origine primordiale; una volta che si separano da essa, non sono Essenza, Respiro e Origine prenatali come fondamenti sostanziali, e una volta che hanno perduto questa qualità non sono le cose originali. L’ Essenza Originale è come una perla o come la rugiada; è pura, incontaminata e nutre le cento ossa. Il Respiro Originale è come la foschia o la nebbia e scorre attraverso i cento canali. Lo Spirito Originale è sacro, è l’Unità originale; governa i diecimila perseguimenti. Chi conosce questo, può avere una lunga vita senza invecchiare.

ALIMENTAZIONE IN PRIMAVERA SECONDO LA MTC

Alimentarsi in primavera secondo la dietetica cinese

Secondo la Medicina Cinese, l’uomo è un microcosmo immerso in un macrocosmo da cui non può prescindere e col quale deve vivere in armonia. È influenzato dall’ ambiente in cui abita, quindi anche dal mutare delle stagioni e dalle energie prevalenti in ciascuna di esse. La primavera è la stagione in cui si passa dal massimo yin dell’ inverno allo yang che inizia a espandersi. Il movimento di riferimento è il Legno, cui corrisponde l’organo Fegato, che subisce in questo periodo dell’ anno un mutamento energetico, cosi come gli altri organi, ciascuno nella stagione cui è associato. In primavera, l’energia rimasta sopita in inverno emerge in superficie e la dietetica deve adattarsi a questo cambiamento; saranno quindi preferiti gli alimenti diaforetici, quelli dal sapore dolce. L’attività del Fegato è stimolata dalla primavera e deve esprimere liberamente la sua vitalità, come recita il detto cinese “il Fegato teme la compressione “. Per questo motivo, il sapore principe del periodo è il dolce, che rilassa e decontrae; naturalmente, il dolce di cui si parla non è quello del tiramisù o della sachertorte, ma il dolce del riso e dei cereali. Anche la frutta, che è dolce, può essere utile, mentre il sapore acido ha un’ azione opposta a quella che si vuol favorire perché blocca il Qi del Fegato.  Bisogna poi ricordarsi di sostenere e nutrire l’organo che più ha lavorato nella stagione precedente, in questo caso il Rene, col sapore salato moderato.

In primavera, l’alimentazione deve basarsi sui cereali, in particolare orzo e miglio, sui legumi e le verdure, in particolare quelle a foglie verdi, perché dirigono la loro azione in modo spiccato sul Fegato. Fra queste è indicato soprattutto il tarassaco, per le sue proprietà depurative. Sono utili anche bietole, spinaci, cicoria, piselli, soia verde e foglie di menta. Ottima è la carota, capace di mobilizzare bene il Qi e favorire la digestione. Da evitare il pomodoro, perché troppo acido e astringente. Per quanto riguarda gli alimenti di origine animale, sono consigliati i pesci di mare, la carne bovina, e ancor meglio quella suina, per il suo sapore dolce e salato. Poiché la primavera è un momento di risveglio delle energie, occorre rimuovere le scorie dell’alimentazione invernale,  generalmente più ricca e pesante. Per questo motivo, è opportuno nutrirsi con cibi magri e leggeri per non appesantire l’apparato digerente; a tal fine, possono essere di grande utilità i centrifugati di verdura, facilmente digeribili e rivitalizzanti.

LE EMOZIONI IN MEDICINA CINESE

Uno dei temi più affascinanti di cui si occupa la Medicina Tradizionale Cinese sono le emozioni. Fin dai tempi più antichi i cinesi hanno studiato le emozioni e le hanno messe in relazione con i Cinque Movimenti e gli organi ad essi collegati. L’argomento è estremamente vasto e complesso, per cui preciso che questo articolo vuol essere solo una breve introduzione e, possibilmente, uno stimolo all’ approfondimento. Innanzitutto, dobbiamo sapere che in ognuno cinque organi alberga una particolare forma di energia mentale o anima psichica.  Lo Shen propriamente detto è riferito alla mente -Cuore, lo Hun al Fegato, il Po al Polmone, lo Yi alla Milza e lo Zhi al Rene. Lo Shen armonizza le emozioni, governa la coscienza e permette la percezione; lo Shen è precedente allo yin e allo yang, è il fondamento della vita. È conservato nel Cuore e la vitalità di una persona si vede dallo Shen degli occhi. Dallo Shen dipendono intelligenza, consapevolezza e coscienza; esso armonizza e governa il mondo affettivo. Hun rappresenta l’anima eterea ed è legata al movimento Legno, che rappresenta lo yang che cresce, la primavera; poiché si proietta all’esterno, allo Hun è collegato il coraggio. Allo Hun sono legati i sogni e di notte può vagare. Alla morte si disperde fluttuando e torna al cielo, al contrario dell’ anima Po, legata al Polmone e al movimento Metallo, che alla morte torna alla terra. In realtà, Po e Hun sono strettamente legati; come lo yin nutre lo yang e lo yang muove lo yin, così Po e Hun sono opposti ma complementari e inscindibili. Po è anche ciò attraverso cui il corpo ci mette in relazione col mondo esterno. Yi è l’anima della Milza, è espressione del movimento Terra; si potrebbe tradurre sia con idea che con intenzione. Lo Yi fisiologicamente rappresenta il pensiero, si pone perciò al centro di tutti gli altri organi. Infine, lo Zhi, collegato al Rene ed espressione del movimento Acqua. A Zhi vengono associate varie accezioni, ma soprattutto la volontà; spesso viene messo in relazione con lo Yi e considerato una sorta di Yi concentrato. Sono riferiti a Zhi la concentrazione e la stabilità, da cui derivano fermezza, determinazione, volere e decisione.  Alla volontà, intesa come capacità di decidere ed iniziare una certa azione, si sovrappone la capacità di perseguire uno scopo e realizzare le intenzioni.

Ciò di cui abbiamo parlato si riferisce alle cinque emozioni (wuzhi) fisiologicamente in equilibrio energetico. Al Cuore corrisponde la gioia, al Fegato il coraggio, al Polmone la riflessione, alla Milza il pensiero e al Rene la volontà. Ma queste emozioni possono anche esprimere un contenuto patologico. Esse sono innanzitutto un movimento del Qi e la patologia è la conseguenza di un disordine dei movimenti fisiologici del Qi, per cui le emozioni possono colpire Qi, sangue e organi. Per il Cuore e l’anima psichica Shen, l’emozione patologica è l’euforia, una sorta di gioia eccessiva e immotivata, un essere sempre sopra le righe; in genere caratterizza persone iperattive e piene di impegni, che sono agitate internamente, hanno difficoltà a concentrarsi e dormono male. Allo Hun e al Fegato abbiamo associato il coraggio, perché il Legno rappresenta il passaggio dallo yin allo yang, il movimento verso l’esterno; analogamente, si esprime l’emozione patologica, la collera. In questo caso, però, il Qi sale in maniera anomala, eccessiva, e il respiro si fa corto; come causa scatenante, possono esserci anche piccole cose che non vanno per il verso giusto, magari di scarsa importanza, ma destabilizzanti. La collera può essere anche solo un’ insofferenza, ma sempre pronta a scattare. All’anima psichica Po, appartenente al movimento Metallo ed espressione del Polmone, corrisponde la tristezza come emozione patologica; questa si accompagna al dolore, che consuma il Qi e la vita stessa. La stagione di riferimento del Metallo è l’autunno, quando la natura si ritira su stessa e tanti animali vanno in letargo; nello stesso modo, molti esseri umani soffrono di malinconia e di un’ angustia diffusa che è la pena della vita. Queste persone sono inclini al pianto, non hanno voglia di agire e sono preda della depressione. Passiamo all’ anima psichica Yi, appartenente alla Milza e al movimento Terra. Il pensiero in quanto riflessione, momento in cui si elaborano sensazioni e percezioni è frutto di un corretto movimento del Qi, ma se questa funzione è eccessiva, diventa preoccupazione e danneggia il Qi. Ecco allora che il pensiero si trasforma in rimuginazione eccessiva che, a livello somatico, si manifesta con sintomi di oppressione, gonfiore e pesantezza. Infine, abbiamo l’anima psichica Zhi, espressione del Rene e del movimento Acqua. L’emozione patologica collegata è la paura, da non confondersi con lo spavento, che è temporaneo; la paura, invece, non si può risolvere e se diventa grave colpisce lo Shen e indebolisce il Cuore. Mentre lo spavento è la risposta a una minaccia improvvisa e reale, la paura è il timore che possa succedere qualcosa di pericoloso, di quello che può riservarci il futuro, più che di qualcosa di specifico. La paura è uno stato d’inquietudine permanente, l’avere sempre il cuore in gola. La paura può essere sia uno stato di profonda agitazione che si presenta quando una persona cara è in ritardo, che un vero e proprio attacco di panico.

Naturalmente, tutta la parte teorica delle emozioni è di grande utilità per il trattamento delle patologie psichiche, che per la Medicina Cinese non può prescindere dalle pratiche di nutrimento della vita- yangsheng.

25 gennaio 2024

IL CICLO CIRCADIANO IN MEDICINA CINESE

In Cina il giorno non è fatto di ventiquattr’ore , ma di dodici, perché ogni ora è in realtà doppia rispetto alle nostre; il ciclo circadiano di conseguenza copre un arco di dodici ore cinesi. Il Qi, la nostra energia, compie un percorso in questo lasso di tempo che interessa tutti i dodici meridiani principali, sei relativi agli organi e sei ai visceri loro associati. Il giorno non nasce a mezzanotte, come per noi, ma alle tre di notte perché è a quell’ora che l’energia nutritiva (Ying Qi) entra nel meridiano del Polmone per dare inizio alla circolazione nictemerale. Il flusso del Qi negli organi e nei visceri non è uniforme durante la giornata, ma ha punte massime e minime; vediamo come funziona. Dalle tre alle cinque di notte, l’energia del Polmone raggiunge il suo massimo energetico, dopodiché nelle ore successive diminuisce gradualmente fino a toccare il minimo energetico dodici ore dopo, in base alla legge dello Yin e dello Yang. Lo stesso meccanismo vale ovviamente per tutti gli altri organi e visceri. Così, dalle cinque alle sette il massimo energetico sarà raggiunto dall’ Intestino Crasso, dalle sette alle nove dallo Stomaco, dalle nove alle undici dalla Milza, dalle undici alle tredici dal Cuore, dalle tredici alle quindici dell’Intestino Tenue, dalle quindici alle diciassette dalla Vescica Urinaria, dalle diciassette alle diciannove dal Rene, dalle diciannove alle ventuno dal Ministro del Cuore o Pericardio, dalle ventuno alle ventitré dal Triplice Riscaldatore, dalle ventitré all’una dalla Vescicola Biliare e dall’una alle tre dal Fegato. Dopodiché, inizia dal Polmone un nuovo ciclo. Da notare, nella sequenza del ritmo circadiano il rapporto esistente tra organi e visceri; infatti l’organo Polmone è seguito dal suo viscere Intestino Crasso; al viscere Stomaco segue il suo organo, la Milza; poi il Cuore è seguito dal suo viscere Intestino Tenue; al viscere Vescica segue il suo organo Rene, all’organo Ministro del Cuore o Pericardio segue il viscere Triplice Riscaldatore; al viscere Vescicola Biliare o cistifellea segue l’organo Fegato. Quindi lo schema è: organo-viscere; viscere-organo; organo-viscere; viscere-organo, ecc.
Il ciclo circadiano, in Medicina Cinese, è di fondamentale importanza sia da un punto di vista diagnostico che terapeutico. Per esempio, se un mal di testa peggiora generalmente verso la mezzanotte, potremmo valutare un’alterazione circolatoria del meridiano di Vescicola Biliare, perché questo viscere a quell’ora raggiunge il suo massimo energetico. Da punto di vista terapeutico, potremmo lavorare in tonificazione nelle ore di minimo energetico e in dispersione in quelle di massimo.

MEDITAZIONE

Cos’è?

La meditazione è una pratica psicofisica millenaria, tradizionalmente patrimonio delle religioni e delle filosofie orientali, ma conosciuta anche in Occidente.

Sotto il termine meditazione vengono fatte rientrare pratiche molto diverse tra loro, ed alcune sembra proprio difficile catalogarle come meditative in senso classico. Mi limiterò qui a ricordare le più importanti: la meditazione vipassana, quella zen, la meditazione yoga e  la mindfullness.

Vipassana, nell’ antica lingua indiana Pali, significa vedere le cose in profondità, come realmente sono. Si fa risalire direttamente al Buddha e insegna a distinguere ciò che appare da ciò che è, a capire la vera essenza della realtà. Lo scopo della vipassana è lo stesso delle altre forme di meditazione: raggiungere la felicità attraverso l’illuminazione. La meditazione Zen è la versione giapponese del buddhismo Chan, introdotto in Cina dal monaco indiano Bodhidarma (Ta-Mo in cinese, Daruma in giapponese) circa millecinquecento anni prima di Cristo. La leggenda vuole che  Bodhidarma si sia fermato alcuni anni al Tempio di Shaolin dove insegnò ai monaci il buddhismo Chan e le arti marziali. Fu però nel XIII secolo che in Giappone lo Zen si affermò grazie al monaco Eihei Dogen, e da allora caratterizza tutti gli aspetti della cultura del Paese. La meditazione yoga è diversa a seconda delle scuole di appartenenza: Hatha, Ashtanga, Kundalini, ecc. In realtà, il significato originale del termine sanscrito yug è unione dell’ anima con Dio, per cui le tecniche e il loro scopo sono finalizzate a realizzare questa unione, il samadhi, l’estasi. Infine, la mindfulness è una pratica adottata oggi nelle terapia psicologica, mutuata dalla concezione buddhista della mente. Il termine inglese significa consapevolezza di sé, con l’attenzione alla realtà nel momento presente, in maniera oggettiva e distaccata. Come nel buddhismo, per la mindfulness la sofferenza deriva da una falsa visione della realtà, che può essere corretta dalla meditazione. Se il fine ultimo dell’autentica meditazione yoga è l’unione dell’ anima con Dio, la mindfulness è del tutto laica.

Quindi, con lo stesso termine si intendono pratiche molto diverse tra loro. Tuttavia, ci sono effetti comuni molto importanti che possono essere così sintetizzati:

–         La regolazione della produzione di cortisolo, ormone dello stress

–         La riduzione della noradrenalina

–         L’aumento della serotonina

–         L’aumento del testosterone

–         Un rilassamento profondo

Miglioramenti significativi delle pratiche meditative sono stati sperimentati su malattie quali l’aterosclerosi, le malattie cardiovascolari, l’ipertensione, l’ansia, la depressione, l’asma, il colon irritabile.

Ci sono poi gli effetti psicologici della meditazione, come lo sviluppo della pazienza, la promozione di un atteggiamento non giudicante, lo sviluppo della responsabilità personale, ecc.

La meditazione si è anche rivelata un ottimo strumento di riabilitazione, .a partire dalle carceri.

3 gennaio 2024

2024 ANNO DEL DRAGO DI LEGNO